— LAMPADE A LED

Archivio
Tag "catellani&smith"

“La quinta fonte di luce creata dall’uomo è la tecnologia LED che segue le sorgenti luminose ad incandescenza e fluorescenza, alogena e agli ioduri. È una fonte di luce che Enzo Catellani ha interpretato con essenzialità e per la quale ha creato e brevettato nuove applicazioni, che gli hanno permesso di esprimere nuove forme e concetti senza limiti. Ama definirla “ecological light” in quanto riduce le emissioni di CO² ad 1/5, ottenendo un risparmio energetico pari a 4/5. Non ha costi di manutenzione e la sua durata è pressoché illimitata. La sua nuova collezione nasce così, e a parer suo questo è già sufficiente per amarla. La sorprendente scoperta è la qualità della luce che emana: una luce zen, meditativa e rilassante, che abbassa, oltre ai consumi, la tensione nell’ambiente illuminato. È una luce lunare e magnetica della quale non si può fare a meno.”

 

Il LED era la parola d’ordine allo stand della Castellani & Smith che ha presentato una serie di nuovi modelli di apparecchi di illuminazione e alcune rivisitazioni di prodotti già esistenti a completamento della linea per interni Eco-Logic Light.
La linea Eco-Logic Light, disegnata da Enzo Castellani e presentata nel 2008,  utilizza con semplicità ed essenzialità la tecnologia LED e propone una serie di prodotti molto originali e accattivanti. Le sue principali caratteristiche sono: le forme essenziali e pulite, il supporto rappresentato da una semplice ed elegante astina in metallo nickelato, i micro cavi di alimentazione sottili e discreti, l’utilizzo o meno di lenti in vetro posizionate di fronte al led e una grande creatività.
Tra i nuovi prodotti della linea Eco-Logic Light segnaliamo la lampada da tavolo e da parete Giulietta, quella a sospensione e da parete Giulia, la lampada da tavolo Herem e quella a sospensione Led Jack. Le nuove soluzioni sono caratterizzate dall’utilizzo del metallo a specchio con LED e resina, alluminio verniciato e lucidato e dall’astina in metallo nichelato che ha subito variazioni di diametro.
 
 
 

 http://www.catellanismith.com/

Continua a leggere...