— LAMPADE A LED

La Philips e le sue nuove lampadine al led

Come aggiungere alla propria casa un vero tocco di colore? Il sistema l’ha trovato Philips, mettendo in commercio delle lampadine molto più colorate di quelle al led precedentemente in commercio.

philips-hue-out-of-the-box-1500x991.jpg.650x0_q85_crop-smart

Quando si mettono nella stessa frase le parole «lampade» e «Philips», la mente corre istantaneamente al modello Livingcolors. Bellissime, in particolare per le stanze dei bambini, allegre, insolite. Adesso la Philips ha fatto di più: ha creato delle lampadine colorate, che possono andare in qualunque modello di lampada per aggiungere un tocco di colore all’illuminazione, molto più vivido rispetto alle lampadine finora messe in commercio.

Non solo: queste lampadine si possono accendere e spegnere con un’app, comodamente dal proprio smartphone. Questo accade anche perché queste lampadine non sono semplicemente attivabili o disattivabili, ma si può anche regolarne l’intensità per la comodità del proprio bioritmo.

La tecnologia alla base di queste lampadine è interessante e affascinante dal punto di vista fisico-chimico. In pratica, i tecnici della Philips hanno ionizzato la luce ultravioletta che emette vapori di mercurio, il che fa splendere la copertura al fosforo: le lampadine al led tradizionali fanno lo stesso, ma senza il mercurio. L’effetto è ben chiaro: è come ottenere la vividezza di una lampadina a incandescenza, il suo colore, ma con i benefici in termini di risparmio energetico in particolare, di qualunque lampadina al led.

Il prezzo è attualmente abbastanza alto, 200 dollari per tre lampadine e un controller, ma come per tutto ciò che è nuovo, si può immaginare che il prezzo in futuro calerà e sarà molto più alla portata di tutti rispetto a ora. E magari ora viene da pensare che tutta questa tecnologia sia inutile. Ma Oscar Wilde, padre dell’estetismo sosteneva che utilità e bellezza non sono concetti compatibili. Per cui per portare la bellezza nelle nostre case, a volte bisogna scendere a compromessi con quello che alcuni considererebbero inutile. Salvo poi scoprire i benefici del colore e della diminuzione di intensità in alcune ore del giorno.

Fonte: Mnn.